SERVIZI CIVILI

Don Bosco, per le strade di Torino, vide le necessità dei giovani in pericolo e rispose alla loro povertà aprendo nuovi fronti di servizio pastorale.

Si considerò mandato da Dio a rispondere al grido dei giovani poveri e intuì che, se era importante dare risposte immediate al loro malessere, lo era ancor di più prevenirne le cause con una proposta educativa integrale.

(dal Quadro di Riferimento per la Pastorale Giovanile, pag. 233)

L’opzione per i giovani poveri, abbandonati e in pericolo è sempre stata presente nel cuore e nella vita della Famiglia Salesiana, da Don Bosco fi no ad oggi: da qui una grande varietà di progetti, servizi e strutture per la gioventù più povera, con la scelta  dell’educazione, ispirata al criterio preventivo salesiano.

(dal Quadro di Riferimento per la Pastorale Giovanile, pag. 234)

L'incaricato

DON GIOVANNI D'ANDREA

Nato a Messina il 17 luglio 1968
Completa il noviziato diventando salesiano l’8 settembre 1997Ha scelto don Bosco perché "il suo stare in mezzo ai giovani parlando di Cristo mi ha affascinato e l'esempio di alcuni salesiani che hanno segnato la mia vita"

Calendario dei Servizi Sociali

Harambèe 2019 il racconto

150° spedizione missionaria 27-29 settembre 2019

In occasione della 150° spedizione…

Il Cardinal Guarino, Messina e la Famiglia Salesiana

Nella schiera dei santi della…

Nominati il Vicario Ispettoriale e l’Economo Ispettoriale

Don Franco Di Natale e Don Marcello Mazzeo affiancheranno il nuovo Ispettore per il triennio 2019-2022

Oggi, il decimo successore di…