ORATORIO CENTRO GIOVANILE

L’Oratorio di San Francesco di Sales a Valdocco fu la prima opera stabile, quella che diede inizio a tutte le altre. L’ambiente educativo costruito nell’Oratorio fu la risposta pastorale di Don Bosco alle necessità degli adolescenti e dei giovani più bisognosi della città di Torino. Alla maggior parte di essi, assieme al catechismo, offriva un sano divertimento, l’istruzione elementare e competenze di lavoro per la vita. Don Bosco seppe garantire formazione e impegno cristiano ai giovani che gli presentavano sfide educative più urgenti.

(dal Quadro di Riferimento per la Pastorale Giovanile, pag. 177)

Per “Oratorio” si intende un programma, festivo o quotidiano, destinato specialmente ai ragazzi (fanciulli e preadolescenti), aperto a un pubblico ampio, con metodi di approccio che favoriscono nel loro ambiente varie forme di tempo libero e di incontro religioso.

Per “Centro Giovanile” si intende una struttura, destinata soprattutto agli adolescenti e ai giovani, aperta a tutti, con varie proposte di maturazione integrale, con prevalenza della metodologia di gruppo per un impegno umano e cristiano. Con “Oratorio-Centro Giovanile” si comprende insieme sia la realtà oratoriana aperta come anche l’impegno per i giovani più maturi (cfr. Cost. 28; Reg. 5, 7, 11-12, 24; CG21, n.122).

(dal Quadro di Riferimento per la Pastorale Giovanile, pag. 179)

L'incaricato

DON DOMENICO LUVARA

Nato a Catania il 6 maggio 1975
Completa il noviziato diventando salesiano l'8 settembre 2001
Ha scelto don Bosco perché "sono rimasto sempre affascinato da queste sue parole: Serviamo il Signore in santa allegria"

Telefono

095.72.85.112

Indirizzo

Via Cifali, 5-7

Calendario degli Oratori

Lettera n.41 del Sig. Ispettore

Quaresima tempo opportuno…

«Invito soprattutto i…

Dona per donare Vita

Domenica Missionaria Salesiana 25 febbraio 2018

Riunione Presinodale dei giovani

Un’occasione da non perdere...Partecipa anche tu!

Dal 19 al 24 marzo…

I NOSTRI ORATORI IN SICILIA

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn