Pastorale Giovanile Salesiana

La missione salesiana, che dà a tutta la nostra esistenza il suo tono concreto, specifica il compito che abbiamo nella Chiesa e determina il posto che occupiamo tra le famiglie religiose (cfr. Cost. 3), si esprime nel concreto della sua azione storica in quell’insieme di progetti, opere, ambienti educativi, luoghi di formazione e attività di evangelizzazione, con il nome complessivo di Pastorale Giovanile Salesiana. 

La Pastorale Giovanile Salesiana non esaurisce la ricchezza della missione della Congregazione. La missione, infatti, è una realtà teologale, strettamente collegata alla vocazione stessa della Congregazione e di ogni singolo confratello. Essa però non può non esprimersi in azioni concrete. La pastorale giovanile è l’espressione prima e tipica della missione.

(dal Quadro di Riferimento per la Pastorale Giovanile, pag. 30-31)

Il delegato

DON ALBERTO ANZALONE

Nato a San Cataldo (CL) il 2 febbraio 1990.
Completa il noviziato diventando salesiano l’8 settembre 2011.

Ha scelto don Bosco perché "mi ha svelato un volto simpatico di Cristo, servo dei giovani soprattutto i più poveri".

PASTORALE

Essa è pastorale perché, in primo luogo, è l'espressione multiforme di una comunità ecclesiale, nel cui nucleo animatore è presente la comunità dei consacrati salesiani, assieme a laici collaboratori (cfr. CG25), costituendo tutti insieme quella comunità ecclesiale sul territorio, contrassegnata dal carisma salesiano, che esprime la sua missione evangelizzatrice attraverso le opere educativo-pastorali che di volta in volta mette in campo.

GIOVANILE

Essa è giovanile perché al centro della sua azione sta la persona dei giovani, specialmente dei più bisognosi. Si tratta di cercare i giovani nella loro realtà, con le loro risorse e difficoltà, e scoprire le sfide dei contesti culturali, sociali e religiosi in cui vivono, dialogando con loro per proporre, attraverso la pedagogia dell'accompagnamento, un cammino di incontro vivo e comunitario con Gesù Cristo (cfr. CG20, n.360).

SALESIANA

Essa è salesiana perché ha nel carisma di Don Boscosecondo l'ispirazione della carità educativa del Buon Pastore, il proprio riferimento principale, espressione della pedagogia preventiva, amabile, pronta al dialogo e alla fiducia, la misura della propria verità ed efficacia, il metro del progettare e dell'agire.

Calendario della Pastorale

Il grest salesiano a Trapani

L’oratorio salesiano di…

Kairos Un grest da Urlo

L’oratorio salesiano di Alcamo si…

La festa di Maria Ausiliatrice è la più importante dell’anno

Da oltre un secolo, il 24 Maggio è un giorno di festa

Da oltre un secolo, a…

Sconfinata fede e devozione per Maria Ausiliatrice

Lo scorso 24 Maggio, presso l’Istituto Salesiano ‘Sacro Cuore’, in occasione della festa della ‘Madonna di Don Bosco’.

Prendete…

Triduo di Maria Ausiliatrice ad Alcamo

L’Opera Salesiana di Alcamo ha…